L’Italia che reagisce alla crisi economica propone qualità ed efficienza a partire dall’enorme patrimonio culturale e materiale a sua disposizione.

Una nuova Italia che recupera, lavora e trasforma ha la necessità di utilizzare le migliori risorse professionali del Paese. Questo spazio serve a diffondere le nostre iniziative migliori che sviluppiamo ogni giorno con passione, dedizione e perseveranza.

Aiutateci a migliorare noi stessi, vi aiuteremo a migliorare le vostre attività.

 

 

La certificazione sulla sostenibilità energetico ambientale dei nuovi insediamenti edilizi è un tema che ha visto negli ultimi anni uno sviluppo interessante di attività, nel solco delle procedure migliori per l’adozione di validi sistemi di qualità.

Oggi è un tema particolarmente caldo, in quanto la crisi del mercato immobiliare pone gli operatori di fronte alla scelta di operare solo sul lato dei costi di produzione, oppure di integrare questa attenzione gestionale con sistemi di ottimizzazione degli investimenti attenti nel valorizzare aspetti energetico ambientali utili anche a diventare potenti strumenti di vendita.

E’ infatti noto che l’attenzione del potenziale cliente è sempre più orientata alla classificazione energetica degli edifici e che però tale questione deve trovare ancora un suo corretto equilibrio nel dimensionamento dell’offerta in rapporto alle disponibilità del cliente a spendere in efficienza. Vi sono poi altri aspetti qualitativi del prodotto immobiliare, sui quali l’attenzione del cliente può orientarsi, questioni che diventano anche per l’operatore un’opportunità di ottimizzazione dei costi, secondo la logica che la qualità del processo determina anche dei vantaggi dal punto di vista gestionale e dunque vantaggi economico finanziari.

Energia Impianti industriali

Check up energetico: priorità di intervento – aria compressa

Il check up energetico affronta ogni aspetto dei servizi generali e dei sistemi di produzione.

Ogni unità funzionale non viene esaminata per ottenere un unico valore di risparmio energetico, ma vengono elencate le priorità secondo tre categorie principali: i ripristini, le ottimizzazioni e le innovazioni. Questa suddivisione verrà utile nel confronto con il management aziendale per definire gli investimenti, il timing, le azioni immediate e gli aspetti formativi del personale.

Continua…… Check up energetico: priorità di intervento – aria compressa »

Energia Impianti industriali

Il check up aziendale su layout e consumi energetici per ridurre l’incidenza dei costi sul prodotto.

La competitività sui mercati richiede oggi analisi più efficaci sui fattori di costo della produzione. Se in generale all’Italia sono richiesti grandi sforzi per migliorare l’efficienza del sistema paese, ciascuno di noi, nel proprio ambito, come consumatore, lavoratore, professionista o imprenditore, deve compiere un percorso di “miglioramento continuo” per godere dei vantaggi individuali che, sommati uno ad uno, possono costituire un grande vantaggio collettivo nazionale.

In campo industriale, l’esigenza di ridurre l’unità di costo riferibile alla produzione di un bene da porre in commercio è una delle azioni vincenti ai fini della sopravvivenza dell’impresa, del suo patrimonio umano e materiale, del territorio nella quale è inserita. In questo contesto una corretta politica aziendale tenta di recuperare competitività certamente gestendo le risorse umane, ma recuperando un margine di salvaguardia anche per i lavoratori, investendo in efficienza energetica e riorganizzazione del ciclo produttivo.

Continua…… Il check up aziendale su layout e consumi energetici per ridurre l’incidenza dei costi sul prodotto. »

Edilizia Sostenibilità ITACA

Validazione di permesso in sanatoria: La rilevanza penale della sanatoria edilizia illegittima

Sernet ha assunto l’incarico di assistere un comune della provincia di Torino nel districare una complicata vicenda legata ad un abuso edilizio, in particolare alla costruzione difforme rispetto al permesso di costruire rilasciato dal comune. La questione riguarda dunque una domanda di permesso in sanatoria.

La vicenda è complessa e la commissione edilizia non ha trovato una posizione comune per esprimere un parere né di diniego né di assenso. La decisione definitiva è carica di responsabilità e nasconde implicazioni potenzialmente pericolose.

(foto di repertorio)

Continua…… Validazione di permesso in sanatoria: La rilevanza penale della sanatoria edilizia illegittima »

Attualità

Torino Milano – Prospettive territoriali per una cooperazione competitiva

 CONVEGNO MILANO  1 febbraio – TORINO 29 febbraio

 Presentazione del numero monografico della rivista “Atti e Rassegna Tecnica” della Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino (SIAT), su “Torino e Milano, prospettive territoriali per una cooperazione competitiva”, mira a sollecitare e ad ampliare, attraverso il contributo di autorevoli attori, le riflessioni sulle nuove dinamiche territoriali, culturali, economiche e sociali, in essere tra le due città.

Continua…… Torino Milano – Prospettive territoriali per una cooperazione competitiva »

Attualità

Decreto legge semplificazione e sviluppo: conferenza stampa presentazione

Il Consiglio dei Ministri del 27 gennaio ha approvato il decreto-legge Semplificazione e sviluppo. Al termine della conferenza stampa sono stati illustrati i contenuti del provvedimento.

Un ampio capitolo del decreto è dedicato all’edilizia scolastica. Per riqualificare e razionalizzare il patrimonio immobiliare scolastico e per ridurre le spese correnti di funzionamento, verrà redatto un Piano nazionale di edilizia scolastica. Il Piano, che dovrà essere approvato dal Cipe, dovrà prevedere interventi di ammodernamento e recupero del patrimonio esistente, anche ai fini della messa in sicurezza degli edifici, e di costruzione e completamento di nuovi edifici scolastici, da realizzare nel rispetto dei criteri di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni inquinanti, favorendo il coinvolgimento di capitali pubblici e privati. La proposta di Piano dovrà essere trasmessa alla Conferenza unificata entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del DL il Piano andrà approvato entro i successivi 60 giorni.

Continua…… Decreto legge semplificazione e sviluppo: conferenza stampa presentazione »

Pagina 21 di 34« Prima...10...1920212223...30...Ultima »

Chiedi Offerta

Archivio